Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /home/montagn4/public_html/wp-includes/class.wp-scripts.php on line 454

Warning: Cannot assign an empty string to a string offset in /home/montagn4/public_html/wp-includes/class.wp-scripts.php on line 454
Art Bonus: FMI e Comune di Casteldeci per la Torre di Gattara
torre di gattinara

Art Bonus: FMI e Comune di Casteldeci per la Torre di Gattara

Sabato 26 Novembre alle ore 10.30, presso la Trattoria“Gattara” di Casteldelci, si terrà la conferenza stampa per il lancio della campagna Art Bonus.

L’Art Bonus è un progetto grazie al quale gli enti pubblici possono ricevere finanziamenti da privati ed aziende per poter ristrutturare o fare manutenzione ad un bene di valore storico-culturale.

Se per il comune possessore del bene questo mezzo rappresenta una grande possibilità, d’altro canto il mecenate può usufruire di un credito d’imposta pari al 65% della donazione effettuata.

Il comune di Casteldelci ha individuato, come bene oggetto della campagna, la Torre di Gattara, uno dei simboli più importanti del territorio che grazie a questo progetto potrà essere oggetto di manutenzione straordinaria. Accanto al comune, in questa iniziativa, c’è la Fondazione Montagne Italia che accompagnerà l’amministrazione in tutto l’iter e che sarà al suo fianco per tutta la durata della campagna Art Bonus.

Alla conferenza stampa, oltre al sindaco di Casteldeci Luigi Cappella, saranno presenti la Dottoressa Silvia D’Annibale e il Dottor Luca Lo Bianco direttore scientifico della Fondazione Montagne Italia.

In merito a questo progetto il presidente della Fondazione Montagne Italia, Onorevole Enrico Borghi, ha dichiarato: “La trecentesca torre di Gattara, il bene individuato dal Comune di Casteldelci, rappresenta una risorsa culturale che attraverso il meccanismo dell’arte bonus verrà recuperato e opportunamente valorizzato. La Fondazione Montagne Italia accompagnerà l’amministrazione comunale in tutte le fasi di questa importante operazione. Il nostro obbiettivo è tutelare e investire sul valore identitario dei piccoli borghi, che anche alla luce del terremoto che ha colpito di recente il centro Italia, hanno dimostrato la propria fragilità ma al tempo stesso la volontà di ricostruire a cominciare proprio dai simboli del proprio territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *