Cop21 Borghi: “Ripartire dai territori protagonisti della Green Economy”

“Le parole del Presidente Renzi alla Cop21 dimostrano che l’Italia sta facendo la sua parte. Non solo per ridurre le emissioni di inquinanti e l’uso di combustili fossili. Ma anche per far crescere quell’economia verde della quale l’Italia può essere sempre più protagonista in Europa. Si contemperano così le due matrici dello sviluppo sostenibile, cioè la crescita e il progresso con il mantenimento dell’ambiente, degli ecosistemi, delle risorse, da proteggere e valorizzare”.
Lo afferma l’on. Enrico Borghi, deputato capogruppo del Partito democratico in Commissione Ambiente e presidente Uncem. “Il premier oggi a Parigi è stato chiaro ribadendo che gli impegni dei Paesi per contrastare i cambiamenti climatici non devono essere scritti sulla sabbia – prosegue Borghi – L’Italia, le Regioni, gli Enti locali, le tante associazioni espressioni della società civile ce l’hanno ben chiaro e sono certo faranno la loro parte assumendosi precisi impegni.

A impegnare il nostro Paese, in azioni concrete, saranno le indicazioni e le opportunità offerte dal Collegato ambientale, prima legge italiana sulla green economy, che la Camera approverà in via definitiva nei prossimi giorni. Lì si prevede un nuovo ruolo per le aree urbane, un impegno diverso per le città nella riduzione dei consumi, e un protagonismo del tutto diverso dal passato per le aree interne, rurali e montane, colonna vertebrale del Paese”. Secondo Borghi “è da qui che si avrà uno scatto decisivo nelle politiche verdi per l’Italia”. ” È nei territori – spiega il deputato – che dovranno nascere le green communities dove si la pubblica amministrazione predilige acquisti verdi, dove si riducono le emissioni e si torna a gestire il bosco, dove si investono più risorse per la difesa dell’assetto idrogeologico, dove si propongono programmi formativi e inclusivi per la cittadinanza, dove le risorse prodotte vengono riconosciute come strategiche per le intere collettività che le utilizzano”.

La Cop21 rilancia e rende necessari questi temi per la politica, locale e nazionale. “Dovremo impegnarci nel rendere i punti del Collegato ambientale così come le decisioni del vertice di Parigi – conclude Borghi – conosciute e disponibili dagli Amministratori locali e dall’opinione pubblica. La sfida culturale è la prima che abbiamo di fronte, sulla quale dobbiamo azionarci subito. La politica e le istituzioni faranno la loro parte, come oggi Matteo Renzi ha ripetuto ai Capi di Stato presenti a Parigi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *